IL FABBISOGNO CALORICO GIORNALIERO (F.C.G.)

Bella fuori

di Amanda Nebiolo

 

LA DETERMINAZIONE DEL FABBISOGNO CALORICO GIORNALIERO

Studi di fisiologia umana hanno permesso di determinare l'entità dell'energia consumata in relazione all'attività quotidiana svolta dal soggetto.

L'energia dispersa nel corso delle 24 ore viene reintegrata per mezzo dell'alimentazione, ma con esigenze differenti in base ad alcune variabili, tra cui l'età, la corporatura, il sesso, l'occupazione e lo stile di vita individuale.

La determinazione del fabbisogno calorico giornaliero risulta quindi essere di estrema importanza per un corretto stile di vita, ma non può prescindere dalla valutazione dei due fattori fondamentali rappresentati dal peso corporeo fisiologico e dal tipo di attività svolta.


IL PESO CORPOREO FISIOLOGICO

VAI ALLE TABELLE DEL PESO NORMALE

Il peso corporeo fisiologico esprime il valore teorico del peso, espresso in chilogrammi, che un soggetto dovrebbe possedere in rapporto alla propria età, al sesso e al tipo costituzionale (normolineo, longilineo, brevilineo).

Ormai considerata obsoleta e approssimativa la regola di Ketelet, secondo la quale il peso corporeo dovrebbe corrispondere al numero di centimetri che superano in altezza il metro di statura (un uomo o una donna alti un metro e settanta si troverebbero dunque a dover pesare entrambi settanta chilogrammi per poter essere considerati normopeso e quindi a minor rischio di danni per la salute), sembra invece del tutto confermata la validità delle tabelle redatte dal dottor Bergami, il noto e autorevole studioso italiano.

 

IL TIPO DI ATTIVITÀ SVOLTA

Poiché, inoltre, ogni tipo di attività svolta presuppone un differente consumo calorico, la corretta determinazione del fabbisogno energetico individuale può essere facilmente ottenuta moltiplicando il numero di calorie corrispondenti all'attività abituale per il numero di chilogrammi corrispondenti al valore del peso fisiologico personale.

Attività

x ogni kg di peso

Lavoro sedentario (impiegati, sarti, cassieri...)

35

Lavoro parzialmente sedentario (commessi, montatori, meccanici, insegnanti...)

40

Lavoro medio (muratori, manovali, casalinghe...)

45

Lavoro pesante (badilanti, contadini, lavandaie...)

50

Lavoro pesantissimo (minatori, boscaioli, fuochisti..)

55

 

COME CALCOLARE IL FABBISOGNO CALORICO GIORNALIERO

Ecco quindi un esempio pratico di come calcolare il nostro personale f.c.g. (fabbisogno calorico giornaliero) attraverso l'uso delle tabelle.

Il peso fisiologico di un uomo normolineo di 31 anni alto cm. 170 è, come si vede in tabella, di 65 Kg. Supponendo che svolga un lavoro sedentario, moltiplicheremo il peso fisiologico del soggetto per 35 Kcal, corrispondenti a questo genere di attività. Al prodotto si aggiungerà il 10% del valore ottenuto (correzione che tiene conto della quantità di calorie non utilizzate).

Il risultato così ottenuto esprime il fabbisogno calorico giornaliero, che in questo caso sarà pari a 2500 Kcal.

Amanda Nebiolo

consulente scientifico

 

ALTRI ARTICOLI SCIENTIFICI DI AMANDA NEBIOLO

frecciaStile di vita e invecchiamento

 

CALCOLA IL TUO FABBISOGNO CALORICO ANCHE QUI

frecciaNestlé

 

Torna alla homepage di Chiara's Angels

Vai alla sezione "bella fuori"

Vai all'indice di "Alimentamiamoci"

Stampa questa pagina

 

Valid HTML 4.01 Transitional Valid CSS