CHIEDI UNA CONSULENZA

MEDIAZIONE FAMILIARE

Confessaci

a cura della dott.ssa Maria Patrizia Latini

 

Maria Patrizia Latini, presidente dell'Associazione Ofelia Onlus, è Mediatore Civile Professionista e Mediatore Familiare, oltre che Istruttore Nazionale di Nordic Walking con tecnica ANI.

 


LA SEPARAZIONE: UN PROBLEMA SOCIALE

Una separazione tra coniugi, oggi, non è solo un problema della coppia che si scioglie ma è un problema sociale, che coinvolge gli amici, i colleghi di lavoro, gli insegnanti dei figli, i funzionari della banca che ha concesso il mutuo per la casa, il negoziante dove prima si facevano acquisti insieme…

Come tale va quindi considerato e affrontato con percorsi di prevenzione ed autoconsapevolezza, di accoglienza e accompagnamento, di sostegno ed elaborazione che permettano alla coppia di arrivare, possibilmente, alla risoluzione del disagio che questo tipo di evento porta con sé

 

IL DIVORZIO COME FALLIMENTO

Nonostante separarsi e divorziare non sia più un fenomeno marginale e circoscritto, ma venga ormai considerato come uno stadio normale di un percorso di vita, questi eventi rappresentano ancora nella cultura italiana – a differenza di quanto accade in altri Paesi – quasi un fallimento, una tragedia personale, relazionale ed economica, che si ripercuote su tutto l'ambiente intorno ai due coniugi. La decisione del giudice, soprattutto nei casi di altissima conflittualità tra ex coniugi, può cristallizzare le parti nel ruolo di vincitori e vinti; possono nascere nuove rigidità e nuovi antagonismi.

 

I FIGLI, MERCI DI SCAMBIO NEL CONFLITTO

L’operare “tecnico” degli avvocati di parte può esasperare ancora di più il conflitto, che non coinvolge solo gli attori che lo alimentano ma anche tanti altri “spettatori” che rischiano di subirne gli effetti, primi tra tutti i figli.

Sempre loro in primo piano, perché la conflittualità familiare riduce la capacità degli adulti di far fronte alle necessità di cura dei soggetti più deboli, i quali spesso sono addirittura utilizzati come “merce di scambio”, o peggio come “armi improprie”, per vendette tra partner.

 

LA SOLUZIONE: LA MEDIAZIONE FAMILIARE

Nello stesso ambito legale è maturata la convinzione che per risolvere adeguatamente le divergenze familiari sia necessario un percorso nel quale possano essere presi in considerazione tutti gli aspetti, anche e soprattutto emozionali e psicologici della coppia, e occorra riconoscere alla coppia la capacità e la possibilità di trovare le migliori soluzioni del conflitto e decidere cambiamenti per il futuro. È per questo che è nata la mediazione familiare.

 


SCRIVI ALLA DOTT.SSA MARIA PATRIZIA LATINI per un consulto gratuito.

Le lettere più interessanti e rappresentative saranno pubblicate, eventualmente sintetizzate per ragioni editoriali. Quando ci scrivi, non dimenticare di specificare se vuoi che si pubblichi il tuo nome e/o la tua mail. Altrimenti, se la tua lettera verrà scelta, sarà pubblicata senza alcun riferimento personale.


Vai alla Homepage di Chiara's Angels

Vai alla sezione "Confessaci"

Stampa questa pagina

 

Valid HTML 4.01 TransitionalValid CSS