LA SCRITTRICE... SEI TU!

Spazio Autrici

Fallen Angel di Daniela Silvestro 

 

E così quell'angelo cadde, cadde qui sulla terra e ne fu felice.

Fu felice perché gli fu data la sua possibilità, gli fu data la vita e la morte e fu gioia per lui, che viveva la sua monotona esistenza, intrappolato nel destino crudele che gli era stato assegnato. Lui voleva soffrire, voleva dormire, voleva sperare,ma soprattutto voleva amare…

E allora vi chiederete che stupido angelo è questo, e lui vi dirà "se vivere è da stupidi, allora io voglio essere stupido, nulla è più divino di un' emozione, un'emozione che da angelo non ho mai provato, un'emozione che solo adesso sento viva dentro di me… Sì, ora finalmente mi sento vivo e ringrazio di essere caduto".

Quell'anima silente aveva trovato volando attraverso le stelle il suo posto nel mondo, il suo flebile respiro lo aveva reso innocuo dinanzi agli occhi di Sophie, che era rimasta incantata nel guardarlo solo respirare, e le sembrava di sentire l'eco ora di quell'anima antica, e lui era felice di quel sudore che gli scendeva lungo la fronte, perché sudare era un problema umano.

Ora lei poteva vederlo, lui che tanto aveva vegliato sui suoi sogni; lei vedendolo soffrire gli domandò: "Cosa succede ora?"; lui le sorrise e disse: "Sto male". Allora Sophie gli fece una triste domanda: "Stai forse morendo?", lui fece cenno di no con la testa.

"No, non sto morendo, sto nascendo" disse, e chiuse gli occhi per sempre. E la sua vita durò poco più di quanto dura un brivido, ma quell'angelo aveva vissuto finalmente: era sorto, aveva amato, aveva sorriso e aveva sofferto, poi si era incamminato verso l'ultimo viaggio. Ma lui ora era felice, sarebbe stato per sempre nel cuore di Sophie.

Daniela Silvestro

 


Vai alla Homepage di Chiara's Angels

---> Visita il Blog letterario "Spazio Autrici"

Vai all'indice di "La scrittrice sei tu! "

Vai alla sezione "sp@zio autrici"

Stampa questa pagina


Valid HTML 4.01 TransitionalValid CSS